La bibbia dell'Omega 3

Indice

GUIDA completa omega 3

1) I Benefici dell'omega 3

Ci viene insegnato che l’alimentazione è importante per il nostro organismo. 

Una realtà che però spesso contrasta con le nostre preferenze alimentari. 


Ci sono delle molecole che però sono molto utili per il nostro benessere, come l’Omega 3.Conosci l’Omega 3? Iniziamo a presentarlo. 


Appartiene alla famiglia delle molecole lipidiche essenziali, ovvero che il nostro corpo non può produrre autonomamente. Gli acidi grassi omega 3 sono in generale 11, e i 2 più importanti e riconosciuti sono solitamente il DHA e l’EPA. 


L'assunzione di questi 2 acidi grassi essenziali ha vari benefici ben documentati in letteratura scientifica:

✓ Abbassamento dei Trigliceridi nel sangue

✓ Supporto al sistema cardio vascolare 

 Migliora la salute del cuore

✓ E' un valido alleato per il benessere del cervello

✓ Aiuta a mantenere sana la vista e gli occhi

✓ Ha per sua natura una buona funzione anti-infiammatoria
✓ Può Aiutare in un corretto sviluppo embrionale.


Gli alimenti dove troviamo maggiore concentrazione di Omega 3 sono il pesce grassi come il salmone o le sardine, e la frutta secca come noci, mandorle e nocciole.A volte però, a seconda della dieta e del nostro stile alimentare, potremmo non assumere una quantità sufficiente di omega 3, pertanto ci può venire incontro integrarlo quotidianamente.

2) la Carenza di Omega 3

Ebbene sì. Nonostante non vi siano quantità definite di come ad esempio 10 grammi al giorno, ci sono dei rapporti stilati dall INRAN (Istituto Nazionale Di Ricerca Alimenti e Nutrizione) che dovremmo tenere a mente a seconda del nostro stile di vita:


- Delle calorie totali che ingeriamo, almeno lo 0,5% dovrebbe venir apportato da Omega 3. Questo significa che se un adulto assume circa 2.000kcal al giorno, circa 100kcal dovrebbero essere dagli Omega 3, ovvero circa 10-11 grammi.Ricordiamo infatti che gli omega 3 sono grassi, pertanto apportano 9kcal per grammo. 


- Delle calorie totali che ingeriamo, almeno il 10% dovrebbe provenire da acidi grassi essenziali. In questo vanno inclusi anche gli omega 6 e tutti gli altri acidi grassi essenziali della famiglia degli Omega 3 come l'Ala.


Essere carenti quindi può essere dovuto sia all'assenza totale di omega 3 nella nostra alimentazione, oppure ad un minor apporto rispetto al nostro fabbisogno giornaliero.

3) Il rapporto con gli omega 6

rapporto omega 3 e omega 6

Esiste anche un'altra famiglia di acidi grassi essenziali, ma con funzioni leggermente diverse, quella degli omega 6.


Questi acidi grassi essenziali si trovano in alta quantità negli arachidi e nei prodotti di loro derivazione come il burro d'arachidi, nei semi oleosi e in alcuni oli di origine vegetale.

A lungo si è pensato che questi omega 6 fossero nocivi, in quanto è stato riscontrata un'azione pro-infiammatoria a seguito della loro assunzione.


Questo è però stato di recente smentito o meglio corretto.E' vero che alcuni omega 6, in particolare l'acido arachidonico, hanno degli effetti pro-infiammatori. Tuttavia la situazione è un po' più complessa.Innanzitutto bisogna vedere il rapporto tra omega 3 e omega 6, in quanto il corpo predilige quelli presenti in maggior quantità. 


Pertanto, nelle nostre diete spesso molto sbilanciate a favore degli omega 6 (alcuni di essi sono presenti in fritti e cibi del genere perchè appunto vengono utilizzati oli vegetali economici) addirittura con rapporti sbilanciatissimi di 1 a 20, ovvero per ogni grammi di omega 3, assumiamo 20 grammi di omega 6. 


Siccome gli omega 3 e gli omega 6 condividono un percorso metabolico simile, il corpo fa prevalere quelli presenti in maggior quantità. 

In questo modo gli omega 6 “schiacciano” gli omega 3, i cui benefici vengono parzialmente annullati. 


Tutto questo problema però viene risolto nel momento in cui vi sia un giusto rapporto tra Omega 3 e Omega 6, ovvero di circa 1 a 4.Per ogni grammo di omega 3, ne andrebbero consumati non più di 4 di omega 6, con consigli ottimale di restare sull 1 a 3.In questo modo entrambe le famiglie di acidi grassi essenziali possono adempiere le loro funzioni e darci il massimo dei benefici con il minimo dell'infiammazione.

4) epa e dha: rapporto e Funzioni

Abbiamo visto all'inizio di questo articolo come l'Omega 3 sia sempre promosso per i suoi benefici a livello cardiaco. Vediamo di approfondire meglio la questione.


Innanzitutto si è accennato ai due acidi grassi facenti parte della famiglia omega 3 ovvero il DHA e l'EPA.


- Il DHA (acido docosaesaenoico ) ha rivelato una buona capacità di intervenire contro alcuni processi pro-infiammatori e in particolare regolando la produzione di citochine. E' poi l'acido grasso per eccellenza per quanto riguarda l'abbassamento dei trigliceridi e il supporto alla funzionalità cardiaca, visiva e cerebrale.


- L'EPA (acido eicosapentaenoico) è fondamentale in quanto fa parte della membrana plasmatica delle cellule, quella membrana che permette la comunicazione tra ciò che è “dentro” la cellula e ciò che invece sta fuori. 


E' infatti proprio attraverso questa membrana che avviene lo scambio di nutrienti, ormoni e sostanze di rifiuto con il flusso sanguigno.Una buona membrana in ottima salute permette alla cellula di essere più sana, comunicare meglio con l'esterno e vivere quindi più a lungo.


Vogliamo anche spendere due parole sul rapporto che dovrebbe esistere tra DHA e EPA.Spesso negli integratori alimentari a base di omega 3 notiamo come vi sia una maggior quantità di EPA rispetto al DHA, a volte fino al doppio.


Tuttavia la quantità comunemente consigliata che da i maggiori benefici è di DHA-EPA rapporto 3:1. Quindi circa il triplo di DHA rispetto all'EPA.Questo in quanto è proprio il DHA ad avere i maggiori benefici su cuore, vista e cervello.

5) omega 3 e cuore

benefici omega 3 sul cuore

In letteratura scientifica i benefici a livello cardiaco dell'assunzione di una corretta quantità di omega 3 sono ben documentati e sono: 


- Possono abbassare la pressione arteriosa nelle persone con ipertensione


- Sono in grado di ridurre il numero di trigliceridi nel flusso ematico, tuttavia ci teniamo a precisare che invece non hanno un impatto significativo sui livelli di colesterolo. 


In un recente studio è stato ipotizzato come l'omega 3 non abbia effetti sulla popolazione se ne si assumono già le giuste quantità dal cibo. Non possiamo quindi considerare valida la regola della “quantità-dipendenza” ovvero una maggiore assunzione di omega 3 oltre il fabbisogno giornaliero non da più benefici.

6) omega 3 e cervello

benefici omega 3 sul cervello

Nel cervello umano sono presenti in buona quantità alcuni acidi grassi della famiglia degli omega 3, in particolare il DHA.


Si è quindi in letteratura studiato se ci fossero delle correlazioni tra l'assunzione di omega 3 e in particolare di DHA con la salute mentale e la prevenzione delle malattie neurodegenerative.


Ci sono buone evidenze sugli effetti che la regolare assunzione di omega 3 possa avere sulla depressione e su problemi cognitivi di natura leggera, tuttavia rimangono privi di prove concrete e strutturate le dichiarazioni secondo cui gli omega 3 possano prevenire Alzheimer, perdita di memoria e ansia.


C'è anche un breve studio pubblicato nel 2008 dove veniva citata la possibilità che l'assunzione di omega 3 in fase di crescita contribuisse al sano sviluppo del cervello e delle funzioni cognitive.


Anche se resta quindi chiara l'evidenza che ci possono essere molti benefici a livello cerebrale, alcuni studi devono ancora approfondire in maniera migliore quali siano esattamente e concretamente i benefici che l'omega 3 apporta.

7) omega 3 e vista

benefici omega 3 sulla vista

Come il cervello, anche i nostri occhi sono ricchissimi di acidi grassi essenziali tra cui gli omega 3 e in particolare il DHA.


Secondo questo studio peer review tra il 2005 e il 2015 sono state analizzate più di 2500 persone con sindrome dell'occhio secco. Il 79% ha risposto di aver tratto dei benefici tangibili dalla somministrazione di omega 3 quotidianamente, in dosi variabili.


Esiste quindi una buona evidenza a supporto del fatto che l'assunzione regolare delle giuste quantità di omega 3 e di DHA possa prevenire la sindrome dell'occhio secco e donare giovamento e salute alla nostra vista.

8) certificazione IFOS

certificazione ifos omega 3

L'omega 3 è senza dubbio uno degli integratori più venduti e conosciuti in tutto il mondo. E proprio per questo motivo, ne esistono tantissime qualità, pillole e i rapporti tra i vari principi attivi più disparati.


Dalla necessità di vederci chiaro e dare una guida da seguire a tutti i consumatori, è nata da un ente canadese una certificazione, chiamata IFOS, che analizza la qualità dei prodotti contenenti omega 3.


E' la certificazione più famosa al mondo e quella che di solito viene consultata quando si vuole assumere un omega 3 di ottima qualità.Le analisi della IFOS vanno dalla qualità della pillola, che viene analizzata e ne viene valutata la concentrazione di Omega 3 e l'assenza di altri acidi grassi simili come gli Omega 7. 


Siccome spesso poi l'omega 3 viene ricavato dal pesce, se l'estrazione o la qualità del pescato sono basse, possiamo trovare tracce di metalli pesanti, agenti tossici e microplastiche all'interno dell'acido grasso estratto.Pertanto la IFOS si occupa di analizzare in laboratorio, tramite le più recenti tecniche di analisi e i più sofisticati macchinari, varie campionature dell'omega 3 che si vuol far certificare.


Infine valutano anche la qualità della conservazione, ovvero la qualità del contenitore nel quale è conservato l'omega 3 e i metodi di conservazione e trasporto.La certificazione IFOS infatti garantisce al cliente finale che il prodotto sia puro, privo di rischiosi contenuti per la salute e che arrivi intatto e con tutta la sua purezza sulla tua tavola.


Il nostro Omega 3 Tri-Action, che conoscerai meglio a fine articolo, ne è infatti provvisto.  

9) ulteriori studi e approfondimenti

Ad agolab ci teniamo ad essere sempre molto sinceri con i nostri lettori, tanto che vogliamo essere trasparenti e assicurarci che tu capisca che l'omega 3 non è efficace, come spesso invece si vede acclamato, per prevenire:

- cancro 

- malattie renali

- lupus

- osteoporosi

- Allergie o intolleranze 

- Asma e problemi respiratori


E non è efficace, ovvero mancano proprio prove scientifiche a riguardo per:

- Migliorare il sistema immunitario 

- migliorare la perdita di peso 

- Controllare o migliorare l'uso di insulina da parte dei diabetici


Pertanto, nonostante questi claim trovino ampio uso da parte di chi vende omega 3, non li troverai su questo blog in quanto ci teniamo sempre a comunicare solo ciò che la scienza ad oggi ha provato.


Sono stati fatti molti studi riguardo ai benefici dell'omega 3 con svariati tipi di condizioni e malattie, con le donne incinta e con altre patologie.


Tuttavia c'è sempre da ricordare che spesso questi studi sono inconcludenti o hanno risultati altalenanti perchè spesso non si guarda ad un quadro più completo, che dovrebbe anche comprendere la quantità di omega 3 che una persona consuma abitudinalmente con il suo regime alimentare, le sue abitudini come stile di vita e attività fisica, e infine la qualità e quantità degli omega 3 assunti durante gli studi. 

Pertanto spesso non è possibile trarre risultati soddisfacenti sui risultati e i benefici dell'omega 3 in ambito clinico nonostante vi sia un'ampia disponibilità di studi eseguiti. 

10) Controindicazioni ed effetti collaterali

Non esistono ad oggi possibili effetti collaterali o controindicazioni rilevate nell'assunzione di omega 3 per periodi continuativi.


A volte, se l'omega 3 è di scarsa qualità, o si possiede una cattiva digestione o problemi come reflusso, si avverte un forte odore di ritorno di pesce dopo la deglutizione delle capsule.


Ci sono anche alcune evidenze che gli omega 3 potrebbero fluidificare il sangue, pertanto ne è sconsigliata l'assunzione se stiamo assumendo anticoagulanti.


Infine gli omega 3 ricordiamo essere dei composti per loro natura molto instabili ed essere pesantemente influenzati da calore, luce, temperatura, metodo di conservazione e ossigenazione.


Pertanto se gli omega 3 sono stati soggetti a questi fenomeni, possono dar vita ad un fenomeno di ossidazione che ne riduce drasticamente la qualità e la stabilità, fino a potenzialmente renderli dannosi e non più benefici per l'organismo.Anche se in letteratura mancano ancora degli studi precisi sulle conseguenze dell'assunzione di omega 3 ossidati, ci potrebbero essere correlazioni con tossicità epatica, maggior sviluppo di radicali liberi e intaccamento del sistema immunitario.


Per questo ad Agolab consigliamo sempre di assumere omega 3 freschi, di qualità, che siano stati conservati in modo ottimale. Soprattutto, se gli omega 3 sono “vecchi” o sono aperti da molto tempo, consigliamo di buttarli e comprarne di nuovi, visto anche il costo spesso modesto che questi integratori hanno.

11) cosa abbiamo pensato per te

omega 3 triaction agolab nutraceutica puro

Ad Agolab non potevamo certo non avere uno degli integratori più famosi e utili alla salute. Siccome però abbiamo anche una particolare attenzione ai nostri clienti, abbiamo pensato di prenderne uno davvero particolare, con 3 caratteristiche quasi uniche.


Il nostro Omega 3 si chiama Tri-Action, perchè come avrai letto agisce su cuore, cervello e vista, supportandone le fisiologiche funzioni.I tre vantaggi di Omega 3 Tri-Action rispetto all'omega 3 standard sono:


1) La concentrazione. Per ogni capsula del nostro Omega 3 trovi 380mg di DHA e 150mg di EPA. Se sommiamo i valori, è più del doppio di quella standard. Solitamente l'omega 3 standard contiene 180 EPA e 120 DHA, una quantità ben minore.


2) Il nostro rapporto tra il DHA e l'EPA è di circa 3 a 1, che è il rapporto corretto consigliato da tutti i nutrizionisti. Come vedi invece il rapporto standard degli integratori comuni di Omega 3 è di 3 a 2 (180 e 120) ed è errato.


3) La purezza. I nostri Omega 3 sono certificati IFOS. La certificazione IFOS è il più alto standard al mondo in ambito di Omega3, e viene effettuata da un'azienda canadese che dispone delle attrezzature più avanzate in ambito di analisi chimica della materia prima.Pochissimi nutraceutici in commercio hanno la certificazione IFOS in quanto i loro standard sono molto molto stringenti.


Noi l'abbiamo ottenuta. La IFOS Infatti garantisce oltre alla purezza, anche che la capsula non sia ricca di omega-7 al posto che di omega 3, e che resti stabile durante tutto il percorso dal momento dell'estrazione dall'animale fino al momento in cui il cliente riceve il prodotto.


Devi sapere infatti che spesso gli omega3 ossidano e irrancidiscono durante i processi di lavorazione, trasporto e stoccaggio.Con il nostro questo non succede. Inoltre i valori che trovi in etichetta sono "il minimo garantito", questo vuol dire che in realtà spesso e volentieri le capsule hanno anche fino al doppio di principio attivo al loro interno, ma per correttezza ed etica, avendo la certificazione IFOS, abbiamo deciso di riportare ciò che viene definito "minimo garantito".


Se sei interessato a scoprire Omega 3 Tri-Action, clicca qua sotto:

omega 3 triaction agolab puro certificato ifos

12) fonti e bibliografia

Le informazioni presenti in questo documento sono state tratte dalle seguenti fonti:Wikipedia – Enciclopedia Libera 

Pubmed – Raccolta di oltre 30 milioni di studi scientifici 

Examine.com – Raccolta di tutti gli studi relativi all'integrazione 

IFOS – Sito web nutrasource della certificazione omonima 

Studi personali e libri di testo universitari del corso di Farmacologia.

Post vecchi
Post Nuovi

Lascia un commento

Nota che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Nota Bene: gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituto di una dieta variata e vanno utilizzati seguendo uno stile di vita sano ed equilibrato. Non eccedere le dosi giornaliere raccomandate. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni. Si raccomanda di seguire le eventuali avvertenze riportate in etichetta. Si consiglia la supervisione medica nei soggetti in età pediatrica, sopra i 65 anni e con qualsiasi condizione patologica. In generale, le donne in gravidanza e durante l'allattamento non devono assumere integratori alimentari se non in caso di effettiva necessità. L'uso tradizionale o l'impiego clinico delle sostanze riportate in questo sito non va inteso come prescrizione medica. Non assumere in caso di ipersensibilità ad uno qualsiasi degli ingredienti presenti nelle formulazioni. Eventuali variazioni di colore, sapore e/o odore, in alcuni prodotti, sono dovute alla presenza di ingredienti naturali.
Chiudi (esc)

Popup

Use this popup to embed a mailing list sign up form. Alternatively use it as a simple call to action with a link to a product or a page.

Age verification

By clicking enter you are verifying that you are old enough to consume alcohol.

Cerca

Carrello

Il tuo carrello è vuoto
Acquista i prodotti