Feci a Palline Dure: Cause e Rimedi naturali

Le feci a palline o caprine sono un problema che colpisce tantissime persone, anche se nella maggior parte dei casi si ha difficoltà a parlarne. A differenza di quanto si potrebbe pensare non si tratta di un disturbo grave, ma può essere facilmente risolto anche con rimedi naturali.

Se desiderate saperne di più questo articolo fa al caso vostro: infatti, illustreremo quali sono le cause e i rimedi per superare questa problematica.

Feci a palline: le tipologie

Come abbiamo detto, le feci a palline o caprine costituiscono un disturbo che colpisce tantissime persone, ma ne esistono di diverse tipologie in base a ciò che sta accadendo al nostro organismo.

Esse possono essere:

morbide, quando sono semplici da espellere;

- feci molto dure, anche note come feci caprine poiché ricordano quelle degli animali;

a pezzettini, quando non hanno una forma definita.

Feci caprine: le cause

Sono diverse le cause che possono portare a evacuare feci dure e a palline, tra le principali troviamo:

  • una bassa assunzione di fibre,
  • una scarsa idratazione,
  • la stitichezza,
  • l'ansia
  • e le lesioni fisiche. Ma vediamole nel dettaglio.

 

1) Scarsa assunzione di fibre

Una delle cause principali è strettamente correlata a una bassa assunzione di fibre: esse sono molto importanti affinché l'evacuazione sia corretta e non dolorosa.

-> Scopri quali sono i migliori cibi con fibre alimentari

Le fibre ricoprono un ruolo fondamentale per il nostro organismo, in quanto garantiscono un regolare equilibrio intestinale e permettono la formazione di feci morbide.

Per ovviare a questo problema, dunque, potrebbe essere necessario assumere più fibre alimentari, che si possono trovare in diverse tipologie di alimenti. Ad esempio, nelle verdure, nella frutta (ricordando di mangiare anche la buccia), nei cereali di tipo integrale (frumento, avena, riso o pasta).

2) Scarsa idratazione

Oltre a un basso apporto di fibre, una seconda causa che potrebbe portare alla formazione di feci dure a palline è data da una scarsa idratazione.

In particolare, essa è determinata dal fatto che non si assumano abbastanza liquidi (molto spesso, anche due litri d'acqua al giorno sono pochi per coloro che praticano molto movimento) o che le feci rimangano all'interno del nostro organismo per troppo tempo prima di essere rimosse.

3) La stitichezza

Un'altra possibile causa legata all'evacuazione di feci dure e a palline è data dalla stitichezza. La stitichezza può essere causata:

- da una scarsa assunzione di fibre, come abbiamo già detto;

- da una scarsa attività fisica;

- dall'abuso di lassativi;

- da problemi legati al colon e all'intestino, come la sindrome del colon irritabile.

4) L'ansia

Anche l'ansia e lo stress possono essere considerate responsabili della formazione di feci dure e a palline. Questa condizione vale soprattutto per i bambini, ma interessa, molto spesso, anche gli adulti.

Il consiglio migliore è quello di rilassarsi, allontanando le situazioni che possono causare stress o ansia per il nostro organismo.

5) Le lesioni fisiche

Si tratta di lesioni che interessano soprattutto il pavimento pelvico, rendendo molto difficile la formazione e l'evacuazione di feci morbide.

In particolare, le lesioni al midollo spinale e quelle muscolari possono alterare la routine e l'equilibrio intestinale, impedendoci di andare regolarmente in bagno e causando feci dure e a palline.

Feci a palline morbide: le cause

Nel caso in cui le feci siano a palline ma morbide le cause sono legate a un passaggio troppo veloce nell'intestino: in questo modo, l'acqua presente nelle feci non viene assorbita del tutto e dà loro questa consistenza.

Le feci morbide a palline possono formarsi in seguito a infezioni di tipo batterico o da funghi e generalmente si manifestano per periodi abbastanza brevi. Nel caso in cui la durata sia superiore ai due giorni è bene rivolgersi a un medico.

Feci dure a palline: i rimedi naturali

Nella maggior parte dei casi, il problema delle feci dure a palline può essere risolto seguendo dei pratici e semplici consigli. Per prima cosa, può essere utile consumare della frutta dopo ogni pasto, oppure a metà mattina o a merenda.

In questo modo, aumenteremo il quantitativo di acqua e di fibre alimentari presenti nel nostro organismo. Attenzione però: è meglio evitare l'assunzione di banane, che possono causare stitichezza.

 

Cosa mangiare per feci a palline?

In particolare, è bene ricordare che le donne necessitano di un quantitativo di fibre pari a 25 grammi al giorno, mentre gli uomini 38 grammi.

Anche bere più acqua può essere una soluzione utile per evitare la formazione di feci dure e a palline: come abbiamo già detto, per alcune persone non bastano due litri al giorno ma ne servono di più.

> Leggi anche
 Cosa mangiare per andare in bagno più facilmente?

Integratori probiotici per feci dure da espellere

Sai che noi di Agolab abbiamo 2 integratori davvero ottimi prodotti fermenti lattici per mantenere in salute il nostro intestino?

Guarda le schede prodotto informative dei nostri prodotti:

Qui sotto puoi vedere le recensioni, clicca su quello che vuoi approfondire:

Entrambi i prodotti sono ottimi per ripristinare la flora batterica.


In alcuni casi può essere utile acquistare dei farmaci da banco a base di erbe, che hanno l'obiettivo di aumentare il volume di acqua all'interno del colon e facilitando l'evacuazione delle feci, rendendole più morbide.

Infine, è consigliato praticare dell'attività fisica costante, soprattutto per le persone più anziane che passano molto tempo a casa.

Post vecchi
Post Nuovi

Lascia un commento

Nota che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Nota Bene: gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituto di una dieta variata e vanno utilizzati seguendo uno stile di vita sano ed equilibrato. Non eccedere le dosi giornaliere raccomandate. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni. Si raccomanda di seguire le eventuali avvertenze riportate in etichetta. Si consiglia la supervisione medica nei soggetti in età pediatrica, sopra i 65 anni e con qualsiasi condizione patologica. In generale, le donne in gravidanza e durante l'allattamento non devono assumere integratori alimentari se non in caso di effettiva necessità. L'uso tradizionale o l'impiego clinico delle sostanze riportate in questo sito non va inteso come prescrizione medica. Non assumere in caso di ipersensibilità ad uno qualsiasi degli ingredienti presenti nelle formulazioni. Eventuali variazioni di colore, sapore e/o odore, in alcuni prodotti, sono dovute alla presenza di ingredienti naturali.
Chiudi (esci)

Popup

Age verification

Cerca

Carrello

Il tuo carrello è vuoto
Acquista i prodotti
×
Welcome Newcomer