Rimedi della nonna per emorroidi

Le emorroidi sono uno tra i problemi che possono causare disagio nelle persone per svariati motivi. Queste sono talvolta facilmente risolvibili grazie a dei vecchi rimedi, passati di generazione in generazione.

Ovviamente, qualora si abbia una patologia avanzata e quindi un caso serio, questi rimedi non possono considerarsi sufficienti al fine di eliminare il problema: in questi casi infatti bisogna affidarsi direttamente alla chirurgia, la quale recentemente ha fatto dei grandi passi in avanti, soprattutto con il metodo THD Doppler.

I rimedi della nonna per emorroidi

Quest'ultimo equivale ad un intervento poco invasivo e che consente di eliminare del tutto le emorroidi. Un primissimo rimedio della nonna particolarmente conosciuto consiste nel conseguire un corretto regime alimentare e fare tanto esercizio fisico giornaliero.

In particolare, si consiglia altamente di alimentarsi con cibi sanibere parecchia acqua e passeggiare frequentemente.

Queste attività non sono consigliate solo per le emorroidi, e proprio per questo potrebbero giovare interamente all'organismo e prevenire varie problematiche.

Un movimento e un'alimentazione costante sono adeguati sia per il benessere fisico che per quello mentale: nel caso delle emorroidi, è fondamentale prendere in considerazione gli alimenti che si possono mangiare e quelli che sarebbe preferibile evitare.

Cuscini a ciambella

Un ulteriore ottimo rimedio sono l'utilizzo dei cuscini a ciambella, nonchè dei cuscini adeguati per chi ha questa problematica. Questi ultimi consentono di stare seduti per svariato tempo senza sentire dolore, ma sono adeguati solo per chi ha un lieve problema.

Qualora infatti si soffra seriamente di emorroidi, questi cuscini sono sconsigliati perchè potrebbero influenzare negativamente l'afflusso sanguigno verso l'ano. Di conseguenza si aumenterebbe la pressione già presente e si peggiorerebbe ulteriormente la propria situazione.

Igiene intima

Uno tra i principali rimedi della nonna consiste in una maggiore attenzione per la propria igiene intima e nella modifica di alcune abitudini. In particolare, si consiglia di lavarsi con dei saponi delicati per la pelle e dell'acqua tiepida al fine di alleviare il dolore. Quando si è fuori casa per tutto il giorno si consiglia di evitare la carta igienica, in quanto ruvida e poco confortevole, sostituendola con delle salviette umidificate.

Acqua alle prugne

Infine, è possibile inserire come rimedio della nonna contro le emorroidi l'acqua alle pugne, nonché una ricetta semplice da preparare.

Normalmente le prugne vengono utilizzate quando si hanno dei problemi di stitichezza, ma possono anche essere utilizzate al fine di regolare l'attività dell'intestino e alleviare il dolore.

E' necessario preparare l'acqua alle prugne una sera prima del suo utilizzo: si consiglia di riporre gli ingredienti nell'acqua, la quale deve essere pari al doppio del volume delle prugne. Successivamente è necessario filtrare l'acqua e berla.

E' possibile consumare a proprio piacimento le prugne nel corso della mattinata, così da evitare sprechi.

Rimedi della nonna emorroidi: cosa mangiare?

Un primo alimento che si può consumare è proprio il limone e l'acqua, preferibilmente calda. Questi due elementi insieme possono essere preparati ed ingeriti la mattina presto senza aver consumato alcun cibo oppure prima di pranzo e cena, e servono a regolare l'attività dell'intestino. L'acqua e il limone offrono un benessere immediato proprio perché, assieme all'attività intestinale, riescono a regolarizzare le emorroidi.

Un ulteriore suggerimento per trarre sollievo dalle emorroidi è il lavaggio del proprio corpo: normalmente si pensa che stare nell'acqua fredda possa in qualche modo aiutare l'organismo, ma al contrario sarebbe preferibile fare un bagno con dell'acqua tiepida.

Si consiglia un bagno di almeno 20 minuti in seguito ad ogni defecazione, così da avere un maggiore sollievo. L'acqua fredda potrebbe invece peggiorare la propria situazione a causa delle contrazioni dei muscoli anorettali.

Ghiaccio per sgonfiare le emorroidi

Vi è però un rimedio della nonna che include il freddo, ossia il ghiaccio: è possibile fare degli impacchi per un lasso di tempo pari a 15 minuti e riporli nella zona interessata.

E' consigliato ripetere la procedura almeno 2 o 3 volte nel corso della giornata così da poter alleviare il dolore, ridurre l'infiammazione delle emorroidi e il gonfiore. Si consiglia questo rimedio soprattutto quando si hanno dei sanguinamenti causati dalle emorroidi e si hanno quindi delle emergenze.

Vediamo ora cosa consigliano i consigli della nonna a riguardo dell'alimentazione con emorroidi, cosa è meglio mangiare, i cibi da evitare, i rimedi della nonna lenitivi per la pelle.

Le patate

Normalmente le patate possono essere altamente sconsigliate per le emorroidi, in quanto alimento. Però le patate possono anche essere utilizzate come delle pomate curative, e non degli alimenti: nello specifico, bisogna creare una purea vellutata e liscia, così da trarre vantaggio dell'amido in esse presente. Quest'ultimo dona un sollievo immediato.

La purea in questione può essere successivamente riposta nella zona interessata, ossia in quella perianale, per poi lasciarla in posa per svariati minuti. Questa purea è ottimale in quanto consente di equilibrare nuovamente la pelle, asciugare la zona perianale e stabilire un PH corretto.

La camomilla

Tra gli alimenti che si possono consumare e che sono altamente consigliati vi è anche la camomilla, la quale è normalmente utilizzata per ottenere sollievo. Questa infatti possiede delle ottime proprietà che contrastano le emorroidi, riuscendo a rinfrescarle ed attenuarle. A lungo andare, la camomilla può ridurre l'infiammazione dell'ano e consentire la cicatrizzazione.

Si consiglia di utilizzare degli infusi con camomilla quando ci si fa il bidet nel corso della giornata. Ovviamente si consiglia di aspettare che la camomilla sia a temperatura ambiente prima di ricorrere al suo utilizzo.

Il bicarbonato

Questo elemento è particolarmente quotato per svariate problematiche e anche per le emorroidi. Un rimedio della nonna molto utile consiglia l'utilizzo di due cucchiai di bicarbonato per ogni lavaggio giornaliero: si deve far sciogliere l'ingrediente in dell'acqua tiepida per poi procedere al lavaggio. Il bicarbonato riesce a donare un immediato sollievo.

Decotti, tisane e frullati per emorroidi

Oltre agli ingredienti precedentemente indicati, sono anche presenti i decotti e le tisane, le quali sono apposite per le emorroidi. Al fine di crearli sono consigliate svariate tipologie di piante ed erbe, quali l'achillea ed il cipresso.

Inoltre, si possono utilizzare anche piante quali l'ippocastano, la malva, l'amamelide, l'ananas, la salvia, la lavanda ed il nocciolo. Per scegliere la giusta pianta è consigliabile il parere di un esperto nelle erboristerie.

Al fine di preparare un'ottima tisana sarà sufficiente portare l'acqua all'ebollizione, per poi selezionare le piante scelte e metterle in ammollo per almeno dieci minuti.

Anche i cibi lassativi possono essere un ottimo rimedio per smaltire le tossine dell'intestino in modo meno faticoso.

Il succo di melograno

Il succo di melograno è un alimento che consente di trarre sollievo, pur avendo un sapore aspro. E' importante non berlo troppe volte alla settimana, in quanto potrebbe causare dei dolori allo stomaco. Si consiglia invece di riporne un po' su un pezzo di cotone, per poi riporlo direttamente nella zona dolorante.

Così facendo sarà possibile evitare eventuali problemi di stomaco. Se invece si intende assumere dei succhi, sono consigliati i seguenti: more, ciliegie, mirtilli e mela.

Post vecchi
Post Nuovi

Lascia un commento

Nota che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Nota Bene: gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituto di una dieta variata e vanno utilizzati seguendo uno stile di vita sano ed equilibrato. Non eccedere le dosi giornaliere raccomandate. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni. Si raccomanda di seguire le eventuali avvertenze riportate in etichetta. Si consiglia la supervisione medica nei soggetti in età pediatrica, sopra i 65 anni e con qualsiasi condizione patologica. In generale, le donne in gravidanza e durante l'allattamento non devono assumere integratori alimentari se non in caso di effettiva necessità. L'uso tradizionale o l'impiego clinico delle sostanze riportate in questo sito non va inteso come prescrizione medica. Non assumere in caso di ipersensibilità ad uno qualsiasi degli ingredienti presenti nelle formulazioni. Eventuali variazioni di colore, sapore e/o odore, in alcuni prodotti, sono dovute alla presenza di ingredienti naturali.
Chiudi (esci)

Popup

Age verification

Cerca

Carrello

Il tuo carrello è vuoto
Acquista i prodotti
×
Welcome Newcomer